HARE SQUEAD:

UNA DELLE MIGLIORI D'IRLANDA

Uno degli atti rap più emozionanti d'Europa.

La connessione diIreland alla musica è un fatto riconosciuto a livello globale. È più forte del legame dell'Italia con pizza e pasta o del legame della Russia con vodka e scacchi. Pensate all'Irlanda, e pensate alle origini della gente, alla modernizzazione del rock, a un uomo in un pub che suona violino con una folla di gente del posto; pensi agli U2, di Enya, della testa di Sinead O'Connor che galleggia su uno sfondo tutto nero mentre canta "Nothing Compares to You". Ma prova a pensare all'hip-hop irlandese e non c'è mai stato molto da evocare. Per la maggior parte degli anni 2010, il più grande atto rap in Irlanda sono stati due comici con sacchetti di plastica sulla testa noti come Rubberbandits.

Sente di recente, le cose sono cambiate. Nel 2015, il rapper di Dublino Rejjie Snow è uscito con il suo primo singolo ufficiale, e lì ha seguito un flusso costante e rinfrescante di artisti innovativi, molti dei quali erano immigrati africani o caraibici di prima o seconda generazione. C'è l'eclettico rapper Simi Crowns, grime e dancehall-tinged Rusangano Family, e poi c'è Hare Squead - il giovane e pionieristico gruppo rap di Dublino composto da Lilo Blues, Jessy Rose e Tony Konstone.

  • Lepre Squead
  • Lepre Squead


Hare Squead è uscito dalla nebbia, letteralmente, con il loro video di debutto fumoso per "If I Ask" la scorsa estate: un fragoroso banger del club che ha fatto sentire seduto alla tua scrivania e fissando il tuo laptop come oscillare da un podio ad Amnesia. Man mano che altre tracce sono cadute – come l'hip-hop estivo del singolo "Herside Story" – il trio è passato dall'essere uno dei migliori spettacoli dal vivo d'Irlanda a uno degli artisti rap più eccitanti d'Europa. Questo è stato seguito con un tour internazionale con Dua Lipa, e spettacoli dal vivo con il rapper statunitense Goldlink a Londra.

Se arrivano negli uffici della New Era la mattina dopo una performance, stringendo le borse KFC in mano. "La droga di New Era come merda", dice Konstone, guardando i tappi che fiancheggiano il muro. Hanno trascorso molto tempo in studio quest'anno, a Londra e Dublino, applicando gli ultimi ritocchi al loro secondo EP, 'Season 2'. "Lo studio è vibrazioni", dice Konstone, "ci rilassamo e faremmo tutto ciò che provassimo". Jessy si intreccia ridendo: "Ci guardavamo tutti negli occhi l'uno dell'altro."

La prima traccia a cadere dal nuovo EP è stata "Pure"; una ricca e sottile marmellata lenta sull'amore non tornato, con il tipo di produzione sottile e in coo che parla davvero al cervello umano nelle ore solitarie di una tarda notte, o in taxi sulla strada di casa dal club. "Vedo che c'è qualcosa nella tua mente e non mi piace", canta Lilo Blues in voce, creando un'atmosfera lirica che vizia tra crepacuore e pillow talk con facilità, e fa sentire la canzone come una controparte r&b irlandese di "Marvin's Room" di Drake. "Stiamo iniziando questo EP lentamente", spiega Lilo, "è morbido ma penso che alla gente piacerà

".
  • Lepre Squead
  • Lepre Squead


Tutti i tre membri erano neonati quando le loro famiglie si trasferivano a Dublino. Da bambini, erano appassionati di calcio e pattinaggio, e per lo più odiavano la scuola. "La generazione di mia sorella maggiore è stata tra i primi ragazzi neri della scuola", afferma Konstone. "Ma era meglio per noi. Si può dire che la società sta cambiando. Tony e Lilo si incontrarono quando si trasferirono nello stesso complesso residenziale, all'età di 12 anni, ed erano musicali fin da giovane. Il padre di Lilo lo costrinse a imparare il pianoforte perché non c'era nessuno a suonarlo nella loro chiesa locale - registrava video di se stesso e li caricava su Facebook. Jessy entrò nell'equazione più tardi: "Li incontrai in città attraverso il pattinaggio", mi dice. Mi stavano raccontando di questa cosa che hanno iniziato e ho chiesto se potevo essere l'Oceano Franco dell'equipaggio. E 'stato immediato."

Sepie è un outfit abbastanza giovane e contemporaneo, l'ascesa alla fama di Hare Squead è stata distintamente vecchia scuola. Hanno fatto il loro nome in Irlanda attraverso un incantesimo implacabile di famigerati spettacoli dal vivo, molto prima di mettere qualsiasi musica online. Nei vari locali di medie dimensioni in cui suonavano, di solito erano il primo atto rap ad esibirsi lì. "Avevamo una band dal vivo di 8 pezzi e la gente ci ha appena scopato", dice Konstone. La folla che si riuniva ai loro spettacoli rifletteva qualcosa di più ampio: la cultura giovanile a Dublino si muoveva e si diversificava. "Sta davvero accadendo in quella città ora", dice Konstone, gesticolando verso un top che indossa realizzato da uno stilista locale di Dublino. "Le persone si stanno rendendo conto che la scuola non è l'unico modo per avere successo nella vita. Puoi avere idee fuori dagli schemi."

Una delle caratteristiche distintive della musica di Hare Squead è l'impegno ad essere cross-genre. Oppure, come etichettano la loro filosofia: "generelessness". Mentre parlavano, mi dicono in studio che hanno ascoltato di tutto, dal duo folk First Aid Kit a Feist al rapper trap di Philadelphia Lil Uzi Vert. È evidente nel loro EP. Dopo le così morbide vibrazioni R&B di "Pure" arriva "Flowers": un classico brano dal suono hip-hop con pianoforte e basso funky. E questo è presto seguito da "Petty" che è solo una dancehall dritta se mai l'hai sentito. "La gente pensa che spostare i generi sia la cosa sbagliata da fare e tutto deve essere coeso", afferma Lilo. "Ma stiamo rischiando e la gente sembra accettare che facciamo musica di ogni tipo."

In questo senso, Hare Squead sa esattamente cosa stanno facendo. Come molti nuovi giovani artisti, si rendono conto che per mantenere un pubblico in un mondo sempre più digitale e impaziente, non devi solo impressionare i tuoi fan ... Devi farli indovinare.

"Le persone si stanno rendendo conto che la scuola non è l'unico modo per avere successo nella vita. Puoi avere idee fuori dagli schemi."