NOW PLAYING: TEDAX MAX

Incontra Tedax Max, il rapper che cattura il suono e lo spirito di Lione.

l'artista franco-congolese, che è parte della campagna "Now Playing" 2022, ci parla di ispirazione, comunità e indipendenza.

 

Tedax Max indossa il cappellino estivo Colour Essentials di New Era e la collezione di abbigliamento


Quando pensi all'hip-hop francese, è comprensibile che la tua mente vada subito alla scena musicale emergente di Parigi e Marsiglia, che hanno dato origine ad alcuni dei rapper più quotati dell'Europa continentale. Dove c'è una forte cultura di strada c’è sempre una vivace scena rap e questo è sicuramente il caso di Lione. Lì, la bandiera del rap la sventola Tedax Max, uno tra gli artisti francesi in ascesa nel mondo del rap.

Cresciuto a La Guillotière, quartiere centrale della città, il musicista franco-congolese conosce Lione come il palmo della sua mano e usa questa conoscenza per fornire ritratti nitidi e spiritosi della vita urbana su ritmi ispirati alla trap. Il suo successo, "J'te jure", ha collezionato oltre mezzo milione di stream su Spotify, e lo scorso anno ha dato vita al mixtape di otto tracce “Forme Olympique” che ha consolidato la sua fama di stella nascente del rap francese.

Tedax è uno degli artisti che collabora con New Era alla campagna Now Playing 2022. L'idea guida alla base del progetto è indagare come gli artisti in tutta Europa attingono al loro lato più “giocoso” e liberano il loro spirito creativo. Per Tedax si tratta di passare del tempo con i suoi amici; infatti, molte delle sue canzoni sono ispirate dai momenti in cui esce con loro e ciò che accade al gruppo.

Abbiamo deciso di uscire con Tedax nel suo quartiere a Lione, per parlare di ciò che la rende la città “perdente” della Francia e per capire che direzione sta prendendo la sua musica.

SCORRI PER SAPERNE DI PIÙ

Il rapper francese, Tedax Max, indossa un bucket hat New Era e sorride


Ciao Tedax! Come descriveresti l'energia di Lione?

La gente di Lione è la vera energia della città, nota per essere complicata e considerata inospitale. Anche le persone che vengono ai miei show a volte si siedono e hanno il broncio. Una volta potevi anche venire insultato o non ricevere feedback da parte del pubblico. Ma non è più così. Abbiamo una nuova generazione in arrivo; un pubblico che ha una visione diversa delle cose. E quando andiamo a un concerto, non è come per i nostri predecessori che erano preoccupati di queste cose. Penso di essere stato abbastanza fortunato da esibirmi tre volte a Lione, a casa, e ogni volta è andata meglio della precedente.

Cosa ti ispira quando si tratta di scrivere testi?

L'ispirazione arriva da ogni parte. È la vita di tutti i giorni nel quartiere, come siamo cresciuti, che sia la mia vita o quella delle persone intorno a me. Questo è ciò da cui nasce la mia musica. I miei testi sono abbastanza rappresentativi di ciò che conosco: Lione, La Guillotière, Voltaire, il modo in cui viviamo... Questo è ciò che mi ispira e mi fa venire voglia di mettere le cose su carta.

Come ti sei innamorato della musica rap?

Mi sono avvicinato alla musica in giovane età, è stato allora che ho sentito per la prima volta canzoni che mi hanno davvero sbalordito. Il rap marsigliese mi ha davvero stupito.

Cosa ti ha fatto decidere di dare vita al tuo rap?

Avevo circa 18 anni. Mi piaceva la musica ma non pensavo di potercela fare da solo. Ma quando ho iniziato a scrivere, beh, è stato così naturale. Tutto scorreva, come un fiume.

Tedax Max indossa una selezione di secchi New Era colorati


Come descriveresti il tuo stile rap?

Sono stato influenzato da un po' di tutto. Ma il mio stile di solito è visto come più "classico", più in stile Boom Bap, con influenze da New York. I miei brani a volte suonano come quelli provenienti da sud, ma la tecnica ricorda davvero New York.

Cosa ti viene in mente quando pensi a New Era?

Se dovessi scegliere tre parole per descrivere il marchio direi: autenticità, stile di vita e cultura... Voglio dire, New Era significa molto per me. Siamo cresciuti con la musica rap americana, quindi quando penso ai cappellini New Era, penso ai 59FIFTY: quelli sono i miei preferiti. È la roba che abbiamo sempre indossato ed è molto rappresentativa. Non si tratta solo di cappellini, io indosso anche i berretti, i bucket... Sono ciò che indossiamo sempre..

Infine, qual è la cosa di cui sei più entusiasta della tua vita in questo momento?

Beh, tutto quello che mi sta succedendo in questo momento e tutto il lavoro che stiamo facendo. Abbiamo uno studio dove possiamo fare musica e fare tante cose. Sono entusiasta anche del fatto che siamo indipendenti, che possiamo fare le cose da soli e stiamo ottenendo risultati. Non potrei chiedere di meglio: alzarmi ogni mattina e fare la cosa che mi appassiona e che amo, e vederla iniziare a dare i suoi frutti. Questa è la cosa migliore.

Il rapper francese, Tedax Max, indossa un bucket hat New Era